Mi capita di ascoltare storie di progetti irrealizzabili o di rapporti sentimentali morti e sepolti e capire che, nella mente di chi li racconta, sono pensieri vividi, presenti e coinvolgenti.

Qual è il limite per sognare a occhi aperti?

Il mondo dell’immaginazione è meraviglioso e sognare equivale a credere nella possibilità di crescere e migliorarsi: è importante non perdere la speranza di realizzare i propri desideri.

Ma se la fantasia diventa un rifugio dalla realtà, o se i nostri sogni non poggiano su fondamenta solide, la situazione può diventare difficile da gestire.

Ciò che spesso le favole non ci raccontano è che per trasformare i sogni in realtà è necessario molto impegno, i mostri esistono anche nella vita reale, i principi azzurri, invece, non arrivano a salvarci, e allora la delusione ci butta nello sconforto di un’esistenza grama e sfortunata.

È probabile che anche le storie che, in totale buona fede, ci hanno raccontato i nonni e i genitori vadano a manipolare i nostri comportamenti fino a condizionare il nostro approccio agli obiettivi che ci poniamo di raggiungere da grandi.

Come facciamo a capire se un desiderio può diventare realtà?

Ritagliarsi dei periodi di ozio ogni tanto è fondamentale per lasciar correre la fantasia, prendersi dei momenti di pausa dal ragionamento intenzionale è utile per sentir vibrare dentro di noi le emozioni e dare spazio alla nostra creatività.

Dopo avere generato intuizioni che possono condurre anche a decisioni importanti, però, è necessario verificare se gli obiettivi che ci poniamo di raggiungere sono realizzabili o meno.

È bene capire se un obiettivo è possibile in valore assoluto e se lo è rispetto a noi: a quello che siamo e a ciò che siamo disposti a investire in termini di determinazione o rinunce. Chiediti qual è il tuo carattere, scopri le tue virtù, pensa alla tua educazione: quali sono i tuoi valori, cosa ti aiuta o ti ostacola nell’ambiente in cui vivi?

Il passaggio dalla teoria alla pratica richiede un impegno enorme e non è sempre facile stabilire da soli con oggettività se siamo in grado o meno di affrontare alcune situazioni: si tratta spesso di un quadro complesso, all’interno del quale è necessaria la verifica di parecchi parametri per poter stabilire la fattibilità di un progetto.

Fai sempre un’analisi chiara e dettagliata prima di buttarti: è vero che tutti possiamo galleggiare, ma non è detto che tu sappia già nuotare.

Se senti di avere bisogno di un supporto per orientarti, puoi contattarmi qui

 

Devi imparare le regole del gioco.

E poi devi giocare meglio di chiunque altro.

(Albert Einstein)

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *