Quante volte, parlando con colleghi, familiari o amici, abbiamo pensato di non essere stati compresi, di essere stati addirittura fraintesi e di avere completamente fallito nella comunicazione.

La capacità di saper comunicare può migliorare e di molto le nostre relazioni quotidiane, ma il problema è riuscire a utilizzare questa abilità.

Qual è la causa principale di una mancata intesa?

La comunicazione è costituita sempre da un soggetto emittente e da uno ricevente: quando parliamo abbiamo il controllo e sta a noi essere efficaci nella scelta dei contenuti, delle parole, dei tempi a disposizione per arrivare a calamitare l’attenzione del nostro interlocutore.

Ci è sicuramente capitato di dire o di sentir dire “io quel che dovevo dire l’ho detto, adesso se vuol capire, capisce…”: questo atteggiamento è sempre un errore, perché come emittenti siamo sempre responsabili dell’efficacia della nostra comunicazione e non è possibile delegare all’altro la comprensione.

Trovare la narrazione giusta, quindi, sembrerebbe fondamentale per una buona interazione: le parole corrette, il tono di voce equilibrato, la postura accogliente. Tutto vero.

Ma un aspetto fortemente sottovalutato è che per essere un buon comunicatore è necessario diventare un ottimo ascoltatore:

“l’incapacità dell’uomo di comunicare è il risultato della sua incapacità di ascoltare davvero ciò che viene detto.”

(Carl R. Rogers)

 

Perché l’ascolto attivo è così importante?

Uno degli storici dirigenti con cui ho lavorato per anni in azienda, e dal quale ho imparato molto del mondo del lavoro e non solo, si arrabbiava moltissimo quando capiva che il suo interlocutore non lo stava davvero ascoltando ma stava già pensando a cosa rispondere subito dopo, per argomentare o giustificarsi.

Urlava e diceva: “non parlare, ascolta!!!”. E di uno che era entrato in azienda decenni prima come fattorino ed era diventato un dirigente c’era da fidarsi se ti diceva di ascoltare, prima di tutto.

Ascoltare profondamente significa:

– comprendere il contesto in cui ci troviamo;
– percepire le emozioni e gli umori che aleggiano intorno a noi;
– rielaborare quanto ci viene detto per allinearci sulla stessa lunghezza d’onda del nostro interlocutore;
– interpretare i segnali verbali e non verbali;
– valutare la possibilità di interagire ed eventualmente come.

Imparare a comunicare efficacemente non è semplice, ma è possibile; occorrono metodo e allenamento, ci sono tecniche ed esercizi di coaching per sviluppare la nostra capacità di prestare attenzione e di esprimerci correttamente: contattami per un incontro conoscitivo e raccontami le difficoltà e i blocchi che incontri.

Ti lascio con questo con questo breve video di Julian Treasure che trovo molto ispirante: buon ascolto! 🙂

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *