Arrivare a casa alla sera stanchi, esausti, spolpati; non vedere l’ora di mangiare e spiaggiarsi sul divano e poi trascinarsi con fatica verso il letto.

Sei stanco a causa del lavoro?

Se questa stanchezza è frutto di una tua decisione allora non è una fatica troppo dura perché è una tua scelta di vita. Ci saranno giorni difficili, incontri non sempre piacevoli, situazioni ansiogene: la tua stanchezza ti ripagherà e sarà benzina per una nuova corsa.

O sei stanco del lavoro?

Un lavoro che non ti piace ti stanca mentalmente, fisicamente, ti logora e ti divora.
Lo so, cambiare lavoro ti sembra difficile e se pensi al mutuo, alle spese, ai figli, a quanto sforzo è necessario per vivere dignitosamente, ti suona addirittura impossibile.

Il punto è che non esiste riposo, non esiste dormita che tenga; non basta una vacanza ai Caraibi, non conta stare in panciolle tutto il fine settimana, non c’è venerdì che possa salvarti da questa stanchezza.

L’unica cosa che può ricaricarti è pensare che puoi cambiare, che puoi crescere ancora. Comincia a pensare a te, a quello che sei, a quello che hai già in te e a come puoi allenare e accrescere le tue potenzialità. Pensa che stare bene è un tuo diritto e quindi è praticamente un dovere finalizzare le proprie energie e la propria stanchezza verso un obiettivo di benessere e felicità.

Per lasciarti alle spalle la fatica di vivere devi accettare la necessità di cambiare.

E per cambiare la propria situazione professionale o personale bisogna trovare la propria strada: scegliere un obiettivo, tornare a studiare, agire con determinazione, essere attivi con la mente e con il corpo, osare, sperimentare, sbagliare, cadere e ripartire.

Non sa di vita tutto questo?

Non puoi accendere il sole al mattino se alla tua giornata mancano passione e libertà.

Se vuoi acquisire consapevolezza, risvegliare le tue potenzialità e utilizzarle al meglio, contattami e raccontami la tua storia.

Quanto ti senti stanco oggi in una scala da uno a dieci?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *