Ti è mai capitato di pensare di una persona: “riesce sempre bene in quello che fa”? La risposta è che si tratta di un individuo dotato di senso di autoefficacia.

Se qualcuno sa cavarsela sempre abilmente nelle diverse situazioni del quotidiano e della vita, ti capita di chiederti, anche con una punta di rivalità,“ma come fa?”.

A me è capitato spesso di incontrare queste figure che sono state e sono dei punti di riferimento e, se vogliamo, anche dei miei casi di studio per capirne e carpirne la strategia.

La risposta a questi interrogativi è che si tratta di persone agentive e autoefficaci.

Che cos’è l’autoefficacia?

È un processo cognitivo identificato dallo psicologo canadese Albert Bandura, studioso del concetto di agentività.

L’agentività  è la facoltà umana di far accadere le cose.

Avere il progetto più bello del mondo non implica automaticamente che il tuo obiettivo potrà essere raggiunto con successo: devi diventare agentivo e autoefficace.

In buona sostanza, essere autoefficace non significa essere il più bravo o il più intelligente, ma  avere la capacità di trasformare le idee in azioni e le azioni in risultati concreti. E questo vale per l’apprendimento, per lo sport e le attività fisiche, per il management e l’organizzazione, ma anche per i piccoli e grandi obiettivi di ogni giorno.

Bandura definisce il Senso di Autoefficacia come:

 “le convinzioni circa le proprie capacità di organizzare ed eseguire le sequenze di azioni necessarie per produrre determinati risultati.”

Non si tratta di una generica fiducia in te stesso ma della convinzione di adeguatezza per poter affrontare efficacemente determinati compiti, di sentirti in grado di gestire specifici eventi e di essere a tuo agio nelle diverse situazioni.

Il senso di autoefficacia non è l’insieme delle competenze che ti mettono nella condizione di fare bene qualcosa, ma è ciò che pensi riguardo alle tue possibilità di riuscire, e ciò regola poi il modo in cui ti poni davanti alle piccole e grandi scelte della vita.

Come si fa a diventare autoefficaci?

Se vuoi approfondire ti consiglio di leggere il libro Autoefficacia

Io oggi ti dico una delle strategie che puoi mettere in atto per allenare la tua agentività.

Innanzitutto individua le tue virtù, le tue potenzialità e – ricordalo sempre – impara a celebrare i tuoi successi. Vedere nitidamente quanto di buono sei stato in grado di realizzare nel corso della tua storia, personale e professionale, ti aiuterà a rafforzare la tua autostima e a darti nuova linfa e motivazione verso le sfide successive.

Ti propongo un esercizio:

Prendi un foglio, pensa e scrivi le tre potenzialità del tuo carattere che nella vita ti hanno aiutato e che utilizzi ogni giorno, nel privato e nel lavoro: sono i tuoi punti di forza!

1.

2.

3.

N.B. Pensa e scrivi possibilmente una sola PAROLA: osservati dall’esterno e sintetizza il concetto. Ad esempio, se pensi a tutte le volte in cui ti sei preso un rischio calcolato ed è andata bene e ti sei piaciuto, puoi scrivere semplicemente AUDACIA (o un sinonimo che ti rappresenti). Oppure se pensi che la tua capacità di far divertire e intrattenere ti aiuti a relazionarti meglio con gli altri, scrivi UMORISMO.

Poi pensa e scrivi un episodio in cui, utilizzando uno o alcuni dei punti di forza che hai elencato, sei riuscito a uscire da una situazione spinosa oppure hai avuto successo nel raggiungere un tuo obiettivo.

Concentrati e cerca di tenere il focus su di te, intensifica l’impegno, supera la tua soglia del dolore, esci dalla tua zona di comfort, usa la tua energia per trasformare i pensieri in azioni, dai concretezza a tutto ciò che fai.

Puoi esercitare un controllo sulle tue giornate, sii tu a decidere come vuoi viverle!

Essere agentivo è fondamentale se sei un libero professionista o un imprenditore, se sei un manager e gestisci persone e progetti, se sei una persona che vuole realizzare sempre e bene i propri obiettivi per vivere una vita piena e appagante.

Aiutarti ad allenare il tuo senso di autoefficacia fa parte del mio lavoro, leggi cosa faccio e contattami se pensi che possa esserti utile. Scrivimi a info@fulviasilvestri.it

Ti va di iscriverti alla mia newsletter?

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *